Wednesday, August 06, 2014

Viaggio a Parigi: sulle tracce di Amélie
Travel to Paris: following Amélie

Cari amici, eccomi di nuovo qui con un racconto tutto dedicato al favoloso mondo
di Amélie. Inizialmente l'intento di questo post era mostrare solo le foto dei luoghi
dove era stato girato il film, ma poi ho pensato che se qualcuno volesse ripercorrere
il mio itinerario, dovrebbe ricercarsi tutte le info e gli indirizzi sul web.
Così ho ideato una mappa dei luoghi principali, concentrati nella zona di Montmartre.
Sono felice perché è stata anche un'ottima occasione per cimentarmi per la prima volta
con il disegno di una mappa. Non è bella come altre che si trovano sul web, ma avevo
l'esigenza di indicare con precisione strade e ubicazioni dei luoghi di interesse.
Quando mio marito mi ha vista "ricalcare" le strade da Google Maps mi ha detto
che sono pazza, ma questo già si sapeva...

Il nostro tour è cominciato alle 9,30 del mattino dalla fermata di Anvers.

  Ci siamo diretti immediatamente verso la giostra dei cavalli (non cercate
la cabina telefonica perché non la troverete) per poi prendere la funicolare
(lo so, non volevo, ma avevamo i bambini al seguito) fino alla strada superiore.

  Proprio lì, dove finisce il parco, ho inaspettatamente riconosciuto la stradina
che Nino e Gina percorrono quando parlano dei proverbi.

  Anche se non fondamentale nel film, una visita al Sacro Cuore era dovuta.

  Da lì abbiamo proseguito verso Rue Saint-Vincent, la via che Amélie e Nino 
percorrono in motorino. È una via tranquilla e camminarci è un piacere.

  Passeggiando siamo arrivati fino alla fermata di Lamark-Caulaincourt, 
dove Amélie lascia il non vedente. Non vorrei deludervi, ma in quella via
non c'è rimasta neanche una briciola di magia.

  Ripassando per la via del motorino, abbiamo visitato la storica piazzetta
di Montmartre per poi deviare fino alla Maison Collignon. Da lì abbiamo fatto
un salto a vedere la stazione di Abbesses che, oltre a vedersi nel film,
è una delle poche a conservare la struttura esterna in stile Art Nouveau.

  Il giro si è concluso al Cafe des 2 Moulins, proprio all'ora di pranzo.
Quale scusa migliore potevamo trovare per pranzare lì? Fortuna vuole che il
nostro tavolo fosse proprio quello dietro il muretto dove Amélie scrive il menù
al contrario (sospiro...). Mangiando lì, ho avuto tutto il tempo per osservare
il locale (ora è molto diverso da come appare nel film) e per fare le foto.
Nel bagno c'è una vetrinetta che contiene alcuni cimeli del film (adoro la lampada
con il signor Maiale), originali e non. Per concludere in bellezza ho preso la crème
brulée e ho rotto la crosticina col cucchiaino. Si vede la mia faccia felice nella foto?

Ma la giornata non era finita. Il pomeriggio siamo andati nella suggestiva cornice
del Canale Saint-Martin, nella vicina stazione Gare de L'Est (dov'era ubicata
la macchinetta quando viene svelato il mistero del riparatore) e nella citata
Rue Quincampoix.

Nel file scaricabile troverete tutti gli indirizzi esatti.

Come al solito mi sono dilungata troppo. Ci vediamo nel prossimo post
dove parlerò (rullo di tamburi) del mio primo contest creativo!
Stay tuned!

Se li avete persi, potete trovare gli altri post su Parigi qui:

Parigi: ordinario e straordinario
Parigi: Disneyland e i Walt Disney Studios






Dear friends, here I am again with a story entirely dedicated to the fabulous world

of Amélie. Initially, the intent of this post was to show only photos of the places where
it was filmed, but then I thought if someone wanted to retrace my itinerary, they should
look for all the details and addresses on the web. So I create a map of main locations
in the area of Montmartre. I'm happy because it was a great opportunity to try for the
first time to drawing a map. It's not pretty as the ones you can find on the web,
but I need to pinpoint roads and locations. When my husband saw me "trace"
the roads from Google Maps he told me I'm crazy, but this you already know...

Our tour began at 9:30 am from the underground of Anvers.

  We immediately went to the carousel horses (don't look for the call box because
you'll not find it) and then we take the funicular (I know, I didn't, but we had 
the kids) to the upper road.

► Just there, at the end of the park, I suddenly recognized the little road
that Nino and Gina run through when they talk about proverbs.

► Even if not essential in the movie, a visit to the Sacre-Coeur was due.

 From there we walked on Rue Saint-Vincent, the way followed by Amélie and Nino
on his scooter. It is a quiet street and is a pleasure to walk.

 Strolling we arrived at the station of Lamark Caulaincourt, where Amélie leaves
the blind person. I would not want to disappoint you, but here is not even left
a crumb of magic.

 Passing again in the road of the scooter, we visited the historic Montmartre's
square and then we go up to Maison Collignon. From there we stop to see the Abbesses
station that, in addition to seeing in the film, is one of the few that has retained
the external structure in the Art Nouveau style.

 The tour ended at the Cafe des 2 Moulins, just at lunchtime. What better excuse
could there be for lunch? Fate would have it that our table was just behind the wall
where Amélie writes the menu to the contrary (sigh...). I had plenty of time to observe
the local (now it is very different from how it appears in the film) and to take pictures.
In the bathroom there is a cabinet that contains some relics of the film (I love 
the lamp with Mr. Pig), same original and others not. At the end I take a creme brûlée
and I broke the crust using a spoon. You see my happy face in the photo?

But the day was not over. In the afternoon we went in the picturesque setting
of the Canal Saint-Martin, in the nearby Gare de L'Est (where was located the photo booth
when it is revealed the mystery of repairman) and in the mentioned Rue Quincampoix.

In the attached file you'll find all the exact addresses.

As usual, I've draw out.
See you in the next post where I'll talk about (drum roll) my first creative contest!
Stay tuned!

If you missed, you can find the other posts here in Paris:

Paris: ordinary and extraordinary
Paris: Disneyland and Walt Disney Studios


isabo-paris-amelie-map-tour-1

isabo-paris-amelie-map-tour-2
isabo-paris-amelie-map-tour-montmartre
isabo-paris-amelie-map-tour-rue-saint-vincent


isabo-paris-amelie-map-tour-blind-man
isabo-paris-amelie-map-tour-collignon.jpg

isabo-paris-amelie-map-tour-abbesses


isabo-paris-amelie-map-tour-cafe-2-moulins-1

isabo-paris-amelie-map-tour-cafe-2-moulins-1

isabo-paris-amelie-map-tour-canal-saint-martin


isabo-paris-amelie-map-tour-rue-quincampoixisabo-paris-amelie-map-tour-gare-de-est






22 comments:

  1. Questo tuo reportage è supergnomoso e superfavoloso ;)

    ReplyDelete
  2. uff! mi ha mangiato il commento :(
    che diceva, più o meno: il tour più romantico del secolo! magnifica resa grafica. bravissima!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Merito di Amélie, non certo mio ;-)
      Grazie di cuore

      Delete
  3. Bellissimo post, Isabella! la prossima volta andrò a cercare i luoghi che mi sono persa, dopo aver rivisto il film (ho il DVD!) e aver stampato il tuo reportage :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Claudia, grazie a te per i preziosi consigli pre-viaggio.

      Delete
  4. Bravissimisssima !!! Fatto anch'io e l'ho rivissuto con te :-))) Ciao, e°*°

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Elena. Spero che la mappa possa tornare utile ad altre appassionate come noi ^_^

      Delete
  5. Devo confessare un enorme segreto.: io non ho mai visto il film. Non so come sia possibile. .. lo devo vedere il prima possibile. Dopo questo meraviglioso racconto sono piena di curiosità. Grazie Isabo ho già salvato la tua mappa. Grazie per avermelo fatto amare anche senza averlo visto. . Giorgia

    ReplyDelete
    Replies
    1. Giorgia, è uno di quei film che si ama o si odia. Guardalo e fammi sapere che ne pensi.

      Delete
  6. Grazie! E' davvero un regalo!!!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sono felice se può tornarti utile ^_^

      Delete
  7. Tutto ciò è meraviglioso ♥

    ReplyDelete
  8. Amo Amelie! mi sento un po' come lei, solo meno carina, meno alta, meno magra :P però lei, la isabò non la conosce, ecco

    ReplyDelete
    Replies
    1. Tutto quello che è isabo forse lo deve a lei ;-)

      Delete
  9. Che meraviglia ! Concordo: davvero un bel regalo! ♥

    ReplyDelete
  10. Occorre tornare a Parigi von la tua mappa alls mano! Grazie per avermi dato un pretesto tanto bello per ritornare.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ho scoperto che tantissime persone quest'anno sono andate a Parigi. Aggiungiti alla lista, hai ancora 3 mesi di tempo ;-)

      Delete

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...